Introduzione

Ogni giorno fornisce delle occasioni per consacrare cio' che e' profano. Le Mitzvot dello Shabbat e dei giorni di festa santificano alcuni istanti legandoli a momenti importanti della nostra storia o a delle idee essenziali della tradizione ebraica. Le Mitzvot della vita ci propongono questo stesso approccio per i giorni feriali, perche` l'ebraismo si vive quotidianamente.

Secondo la tradizione, le Mitzvot possono dividersi in due categorie: quelle che regolano i rapporti tra le persone (Ben Adam Lehavero') e quelle che definiscono la nostra relazione con D-o (Ben Adam Lamacom). Senza addentrarci troppo in merito, sara' sufficiente qualche esempio per illustrare quanto detto.

Le preghiere quotidiane, le benedizioni al momento dei pasti, lo studio della Torah, fanno parte integrante della vita ebraica e possono essere classificate nella seconda categoria di Mitzvot, quella che definisce la nostra relazione con D-o. Il rispetto dovuto ai genitori, l'onesta' nella vita professionale, la giustizia in seno alla societa', il giudizio imparziale, fanno parte della prima categoria e riguardano le relazioni tra le persone. Queste due categorie sono inseparabili, si completano a vicenda e si rinforzano l'altra. Cosi' lo studio della Torah c'invita ad una condotta morale e allo stesso tempo all'osservanza delle Mitzvot rituali. Collegare il rito all'etica e' dunque un dovere quotidiano per ogni ebreo.

Un racconto chassidico riferisce di un uomo che parte alla ricerca di un tesoro. Quando finalmente arriva nel luogo dove si trova il tesoro si rende conto di essere tornato a casa sua. Da sempre dunque questo tesoro era in suo possesso. Questo libro nasce dalla certezza che la ricchezza di una esistenza ebraica e' alla portata di tutti. stato scritto per aiutare gli ebrei a riscoprire il tesoro racchiuso nel compimento della Mitzvah.

La Mitzvah e' la chiave di una vita ebraica autentica e della santificazione della vita. Nessuna parola puo' tradurre appieno questo termine. La sua radice significa comandamento, ma Mitzvah ha acquisito un significato piu' ampio. Ci suggerisce la gioia di un'azione intrapresa in favore degli altri e della gloria di D-o. Ci dice di una vita pienamente ebraica, della necessita' di far fronte agli eventi della vita in modo particolare. Tutto questo e' Mitzvah. Compiere una Mitzvah, dice la nostra tradizione, ci portera' a compiere altre Mitzvot.

I maestri dell'ebraismo liberale fecero dapprima una distinzione tra i comandamenti morali e quelli rituali. Affermarono che i comandamenti morali erano validi per l'eternita' e quindi obbligatori per tutti gli ebrei, in tutte le epoche, mentre i comandamenti rituali, legati ad avvenimenti o a circostanze particolari, avevano un carattere provvisorio. Ma questa distinzione spesso era arbitraria, perche' l'implicazione morale e l'espressione rituale, l'intenzione e l'atto sono in realta' intimamente legate. Il rituale, che e' l'espressione dell'incontro con D-o e il frutto della nostra storia, puo' preparare e stimolare le tendenze morali. Questo libro e' stato scritto in sintonia con l'approccio all'ebraismo liberale (cfr. Di seguito la piattaforma dell'ebraismo liberale). Questo si sforza di permettere agli ebrei di vivere pienamente il loro ebraismo in accordo con la propria epoca. Cerca di preservare la continuita' della vita ebraica rendendo possibili le innovazioni e aiutando gli ebrei ad arricchire la loro esistenza dandole una profondita' e un carattere ebraici. Sapendo che per ognuno possono esistere diversi livelli di mettere in pratica e di comprendere, l'ebraismo liberale afferma il principio della liberta' individuale, essendo essa gia' limitata dall'affermazione di appartenenza al popolo di Israele e alla sua tradizione.

Alcune Mitzvot si trovano in questo libro, altre non vi compaiono e in alcuni settori sono suggerite nuove Mitzvot. Ma la scelta o l'innovazione non sono arbitrarie. I rabbini

Del ccar (Central Conference of American Rabbis) hanno studiato la tradizione e, sulla base di questi studi, hanno enunciato le scelte riguardanti le Mitzvot. Dove hanno ritenuto che le pratiche e gli usi ancestrali rispondevano alle esigenze della nostra epoca, hanno dato loro pieno appoggio. Quando invece hanno ritenuto che erano necessarie nuove vie per permettere l'espressione del sentimento religioso, non hanno esitato a suggerire altre Mitzvot. Ma hanno tenuto conto delle Mitzvot che erano osservate da molte generazioni e che hanno ritenuto essere il punto di partenza del periplo ebraico.

Il mondo delle Mitzvot e' una guida per le pratiche ebraiche e un modo di ricordare che la Kavanah (motivazione) e' nel cuore della Mitzvah.

La facilita' consiste nel fare cio' che e' opportuno. Ma vivere in modo ebraico non e' e non e' mai stato sinonimo di facilita'. Deve essere la conseguenza di una scelta cosciente e coerente. E una volta fatta questa scelta ci si accorgera' che una Mitzvah che a prima vista parrebbe senza ragion d'essere, acquistera' con il tempo un significato profondo.

Alcuni leggeranno questo libro e decideranno che le Mitzvot suggerite sono troppe o troppo impegnative. Altri invece decideranno di metterle in pratica. Realizzeranno che alcune Mitzvot praticate con Kavanah possono portare a un piu' ampio impegno personale. Il segreto della osservanza delle Mitzvot e' di fare il primo passo sulla strada della realizzazione.

Torna all'indice