Site logo


Traduzioni del Talmud

feb 25, 2002

Meghillah 3a


La Ghemarah discute sull' invarianza della scrittura.

Categoria:Traduzioni del Talmud 
Postato da: redazione

Le lettere chiuse sulle tavole sarebbero state miracolosamente al loro posto.

(b-c) Si discute dunque delle traduzioni di Onkelos e di Yonatan Ben Uziel, riportando un Hagadah: i traduttori stessi avevano tradotto sotto insegnamento dei maestri (Onqelos) e dei profeti (Yonatan), restaurando l'antica traduzione aramaica data da Ezra e dai suoi compagni. I limiti delle traduzioni

(d-e) Il Targum da' talvolta il senso: le visioni profetiche; Daniele ebbe visioni profetiche? Le visione di spiriti maligni.

(f) Si ritorna all'esegesi del libro di Ester: tutte le famiglie d'Israel devono lasciare la loro occupazione e correre ad ascoltare il libro di Ester. Tanto piu' cio' vale per la lettura e lo studio della Torah. Tempio, sacrificio e studio della Torah.

(g) Perche' venne l'angelo a Giosue'? Spiriti maligni e angeli.

Miracolo e visione sembrano i motivi conduttori della pagina nella sua stesura tradizionale.

(a)(85. Le lettere Mem e Samech sulle tavole) sarebbero rimaste al loro posto per miracolo. E' cosi': c'erano, ma non si capiva quale forma fosse necessaria all'inizio e quale alla fine della parola, e vennero gli Zofim (i profeti) e stabilirono che alla fine andava la lettera in forma finale. Alla fine, (il verso che dice:) questi sono i comandamenti implica che nessun profeta e' destinato a portare aggiunte? Allora esse (lettere) erano state dimenticate e i (profeti) le ristabilirono nel loro uso. (la Ghemarah afferma dunque che il miracolo consiste nella forma stessa delle lettere della Torah e l'innovazione del profeta non puo' che essere una riscoperta di un significato o di una regola che gia' preesisteva ed e' stata dimenticata)

(b) Rabbi Yeremiah, alcuni dicono R. Hiyya' Ben Abba' disse anche: il Targum del Pentateuco fu composto da Onkelos il proselita sotto la guida di Rabbi Eliezer e Rabbi Yeoshua. Il targum dei profeti fu composto da Yonatan Ben Uziel sotto la guida di Aggeo, Zaccaria e Malachia, e la terra d'Israele tremo' in un'area di quattrocento parasanghe quadrate e una Bat Kol (voce celeste) venne e proclamo': chi ha rivelato i miei segreti ai figli dell'uomo? Si levo' allora Yonatan Ben Uziel e disse: io sono quello che ha rivelato i tuoi segreti ai figli dell'uomo. Sai che non l'ho fatto a gloria di me stesso o della mia casata, ma a tua gloria, perche' non aumentassero le divisioni fra gli israeliti. Avrebbe fatto il targum degli agiografi, ma una voce celeste venne e proclamo': basta. Qual e' la ragione? Perche' la data del Mashiah e' negli agiografi (secondo altri vedi Ein Yaakov, perche' la data del Mashiah e' negli agiografi)

(c) Ma Onkelos il proselita fu lui a comporre il Targum della Torah? non ha detto F. Ikah in nome di R. Hananiel che ebbe quest'insegnamento da Rav: ed essi lessero nel Sefer, nella legge di D-o , interpretando, e dando il senso, e capirono tutti la lettura (neh. 8)

Ed essi lessero nel Sefer, nella legge di D-o indica il testo ebraico

Interpretando indica il Targum

Dando un senso indica la divisione in versi

E capirono tutti la lettura indica l'accentuazione, o secondo un'altra versione le note tradizionali (la Massorah).

(d) Perche' la terra non tremo' a causa della traduzione del Pentateuco, ma tremo' a causa di quella dei profeti? Poiche' il Pentateuco e' espresso chiaramente, e i profeti talvolta sono chiari e talvolta sono esoterici. Ad esempio: e' scritto in quel giorno sara' gran pianto in Yerushalaim come il pianto di Hadadrimmon nella valle di Meghiddo. (Zac. 12,11) Rabbi Yosef disse: se noi non conoscessimo il Targum a questo verso, non sapremmo cosa significa.

Nel giorno in cui sara' un gran pianto in Yerushalaim, come il pianto di Achab figlio di Omri' che fu ucciso da Hadadrimmon figlio di Rimmon in Rimmon Ghilead e come il pianto di Giosia figlio di Ammon che fu ucciso dal faraone zoppo nel piano di Meghiddo

(e)E io, Daniel vidi una visione: gli uomini che erano con me non videro la visione; ma un grave scuotimento cadde su di loro ed essi corsero a nascondersi (Daniele 10,7)
Chi erano questi uomini?
Rabbi Yeremiah o alcuni dicono Rabbi Hiyya' Ben Abbah disse: erano Aggeo, Zaccaria e Malachia. Essi erano superiori a lui ed egli era superiore a loro. Essi erano superiori a lui, perche' essi erano profeti ed egli non era profeta. Egli era superiore ad essi perche' egli ebbe la visione ed essi non l'ebbero.
ma se non videro, perche' si impaurirono?
Forse essi non videro, ma il loro mazal (stella, destino, genio) vide: impariamo da cio' che se un uomo si impaurisce senza vedere, il suo mazal ha visto. Quale e' il rimedio: reciti lo Shema'. Se e' in un posto impuro si allontani di quattro cubiti. Se non puo' dica la formula: il capro della macelleria e' piu' grasso di me

(f) Ora che hai deciso che le parole medinah wmedinah hanno un significato da investigare, che significano le parole mishpacha' vamishpacha' (famiglia per famiglia) (che la Meghilla' di Ester menziona nello stesso verso)?

Rabbi Yosse' Ben Haninah disse: contiene un riferimento alle famiglie dei sacerdoti e dei leviti. (e indica) Che esse che devono lasciare il servizio dei sacrifici e correre ad ascoltare la Meghilla' di Ester. Percio' disse Rav Yehudah in nome di Rav: i sacerdoti devono lasciare il loro servizio, i leviti le loro piattaforme, e le delegazioni di israeliti il loro posto , tutti devono lasciare per andare a sentire la lettura della Meghilla'.

E' stato detto percio': sacerdoti al servizio del tempio, leviti sulla piattaforma, delegazioni di israeliti dal loro posto lascino e corrano a sentire la lettura della Meghilla'.

Questo e' in relazione con cio' che e' detto che i membri della scuola di Rabbi smettevano di studiare la Torah per andare a sentire la lettura della Meghilla'.

Essi hanno dedotto dal minore al maggiore (qal vahomer) dal caso del servizio del tempio. Se il servizio del tempio, che e' cosi' importante puo' essere abbandonato, tanto piu' lo studio della Torah.

(g) Ma se il servizio del tempio e' piu' importante dello studio della Torah?

Sicuramente e' scritto: e avvenne che quando Yeoshua fu vicino a Gerico, alzo' gli occhi e vide, e sopra di lui un uomo si ergeva 85ed egli cadde sulla propria faccia (Giosue' 5,13)

E cosi' potrebbe essere che Rabbi Yeoshua Ben Evi ha affermato che e' proibito ad un uomo salutarne un altro di notte, per pura che sia un demone?

Qui e' differente, perche' (l'angelo) gli disse io sono il capitano delle schiere di Hashem (ibid.) ma perche' egli si prostro'? Per garantire che non fosse pronunziato il nome di D-o. Egli gli disse: questa sera tu hai dimenticato il sacrificio pomeridiano, e hai dimenticato l studio della Torah.

Yeoshua replico': e per quale cosa tu sei venuto?
Rispose: sono venuto adesso. Per esattezza, Yeoshua venne quella notte nel mezzo della vallata (ha-emek), e R. Yohanan disse 85 (qui finisce la pagina)

Rashi' dice la data del messia (qetz hamashiah) nel libro di daniele (be-sefer daniel) letteralmente la Ghemarah usa l'espressione Qez che piu' che data, significa in ebraico fine, termine. Ha detto Rabbi Soloveichik nel suo commento alla Parasha' Mi-Qez che Qez ha il senso della venuta messianica. Miqez shnataim yamim allora nella Torah indica alla fine dei due (o duemila?) anni, l'uscita di Giuseppe (di Israel) dal pozzo in cui era stato esiliato. E' forse questa notazione un richiamo al ritorno dopo duemila anni in Erez Israel?

Rashi' commenta: Besefer ezra ketiv: ze miqra', lashon yivri' behomash (nel libro di Ezra e' scritto: questa e' la scrittura, allude alla lingua ebraica del Pentateuco. Il richiamo di Rashi' prioritariamente all'ebraico rispetto alla traduzione non e' casuale! Anche la Ghemarah a ben vedere valuta piu' la traduzione parafrasata di Yonatan Ben Uziel (considerata ispirata dai profeti) che quella letterale di Onqelos (di origine rabbinica). Nel Midrash, nella parafrasi, e' il nuovo terreno dell'ispirazione profetica.

Come esplode una breve frase in piu' tempi.

Tossafoth riguardo all'uomo che non si saluta perche' potrebbe essere uno spirito maligno, commenta differenziando il caso che l'uomo da salutare venga incontrato in citta' o in campagna, e ricordando che Giosue' lo incontra nella campagna presso Gerico, proprio mentre si avvicina come nemico. Nel nostro caso si afferma invece, un uomo che di notte porti un libello di divorzio come maleficio, li' e' un demone (sh'd hu). La notte, cioe' l'ambiguita' e' dunque il vero regno del negativo.


Pagina precedente: Rabbanim Luzzatto
Pagina seguente: Perle tratte dal Talmud


Torna alla Home Page

Contenuto stampato da http://www.e-brei.net, sito web dedicato alla memoria di Alessia Astrologo z.l.