Site logo


Aspetti di vita ebraica

Il Sacro nell'ebraismo


Per poter comprendere la posizione dell'ebraismo riguardante la concezione del sacro in generale e della sacralita' dello spazio in particolare e' necessario rifarsi soprattutto alla Bibbia. E' qui infatti che si ritrova il concetto di sacro riferito ad ambiti diversi.

Nel libro dell'Esodo troviamo esempi assai luminanti a proposito del significato che ha il luogo dello spazio sacro. E' noto come nel secondo capitolo di quel libro viene riferito il famoso episodio relativo alla rivelazione della divinita' a Mose' attraverso il roveto ardente. Ebbene ad un certo punto si dice: togliti le scarpe dai tuoi piedi perche' il luogo dove tu stai e' uno spazio sacro. Secondo l'esegesi piu' ricorrente, questo luogo sarebbe da identificare con il monte Sinai, il luogo ove successivamente sarebbe avvenuta la teofania e la promulgazione della Torah, la legge morale.

Appare assai indicativo come la coscienza della sacralita' del luogo, non sia sfociata in un particolare rapporto con quello stesso spazio. Si direbbe che il luogo, assolto il suo ruolo di ospitare la rivelazione divina, sia ritornato alla sua naturale normalita'. Da qui e da altri esempi, si puo' dedurre come l'ebraismo, a differenza di altre religioni non concepisca la sacralita' dello spazio, ovvero qualcosa dotato di particolari influenze oppure ritenuto medium di particolari rapporti soprannaturali.

Invece il luogo mantiene una certa specialita' tutto il tempo che quello e' chiamato a svolgere un determinato ruolo oppure partecipa ad un evento straordinario carico di valenza spirituale e religiosa. I luoghi sono tuttavia meritevoli di rispetto, dignita' ed onore per quello che essi rappresentano e non hanno quindi un valore intrinseco e totemico.

Al contrario, l'ebraismo sente molto forte la sacralita' legata al tempo, ovvero la dimensione particolare che hanno certi momenti riguardanti la celebrazione delle festivita' e delle solennita' del calendario ebraico.

Insegnano i maestri ebrei che tre persone riunite insieme e che ragionano intorno a cose sacre, la divinita' si trova in mezzo a loro; cosi' pure dieci persone che si riuniscono costituiscono tutti insieme una sacra comunita' nucleo iniziale e fondamentale della societa'.

Racconta un apologo ebraico che dal momento in cui e' stato distrutto il santuario di Gerusalemme, che agli occhi di ogni individuo simboleggiava la presenza del divino in mezzo agli uomini, la stessa divinita' si ritrova attualmente in ogni casa di studio e di preghiera, come a dire che la sacralita' dello spazio avviene grazie all'approfondimento e alla meditazione intorno agli argomenti di per se' sacri.

Rav Elio Toaff

Postato da: redazione il ott 22, 2001


Pagina precedente: Vita ebraica
Pagina seguente: Cucina Tipica


Torna alla Home Page

Contenuto stampato da http://www.e-brei.net, sito web dedicato alla memoria di Alessia Astrologo z.l.