Site logo


Attualita' culturale

ago 19, 2002

Problemi nei matrimoni misti?


New York 5 Dicembre - Rabbi Mark Levin ha programmato di effettuare una circoncisione rituale durante il periodo festivo solo a pochi metri da un albero di Natale. Il Rabbi Riformato non era a conoscenza della presenza del sempreverde addobbato finche' la madre del bambino, che e' ebrea, e uno dei suoi congregati l'ha chiamato per preparare l'allestimento ed ha menzionato come decorazione l'albero. Levin, il leader spirituale della Congregazione Beth Torah a Overland Park, Kansas, ha affermato che procedera' ugualmente con la cerimonia, ma non lo rende felice il fatto di vedere un bambino ebreo che cresce con un simbolo cristiano in salotto. "Ovviamente non sono in accordo con quelle persone che hanno l'albero di Natale nelle loro case", dice, "d'altra parte sono in accordo con il fatto che le persone hanno il diritto autonomo di fare cio' che preferiscono nella loro casa."

Categoria:Aspetti di vita ebraica 
Postato da: redazione

Con abbondanti pubblicita', canzoni di Natale e "speciali sulle vacanze" che affollano le televisioni, e scintillanti decorazioni rosse e verdi che adornano la maggior parte delle vicinanze, gli ebrei americani hanno poche possibilita' di ignorare il Natale. Molti si lamentano del "dilemma di Dicembre" la sensazione che Chanukah sia oscurata dalla festivita' che commemora la nascita di Gesu'.

Ma per gli ebrei sposati a cristiani, Dicembre crea un differente dilemma. E' il periodo dell'anno in cui le differenze culturali tra marito e moglie sono piu' evidenti.

Perfino nelle famiglie interreligiose dove i bambini sono cresciuti solamente secondo l'ebraismo, il coniuge cristiano spesso vuole avere un albero di Natale.

Per molti cristiani, e persino per quelli che si sono convertiti all'ebraismo, l'albero e' semplicemente un simbolo nostalgico dell'unita' familiare.

Levin dice:"Sentiro' le persone dire, "Non farmi rinunciare all'albero - io posso evitare di curarmi della teologia cristiana, ma esso mi ricorda un periodo spensierato della mia infanzia" .

Ellen Morgan, una cattolica sposata ad un ebreo, Sheldon Zenner, a Evanston, Illinois, dice, "I non cristiani tendono a vedere l'albero come qualcosa di religioso, molto piu' di quanto non facciano gli stessi cristiani."

Gli alberi non hanno "niente a che vedere con la mia educazione cattolica", dice, e aggiunge "per qualcuno cresciuto come devoto cristiano, il Natale e' una scena della nativita'."

Per quanto riguarda i coniugi ebrei, ha notato Sandra Cohen del Tempio Micah, una Sinagoga riformata a Denver, mentre alcuni "sono deliziati di avere un albero nella propria casa - e' qualcosa che loro hanno sempre voluto", molti "non possono digerirlo."

Per alcuni, l'impossibilita' di accettare l'albero sorge dall'avere un simbolo esplicitamente cristiano, mentre altri si preoccupano dell'imbarazzo provocato quando i loro amici ebrei e la loro famiglia gli fanno visita.

In una colonna del numero attuale della rivista Internet interfaithfamily.com (famiglia interreligiosa), Marlena Thompson della Virginia del nord, scrive riguardo la sua angoscia sul permettere o meno al marito di fede episcopale di portare un albero in casa. Inizialmente, scrive, era "fuori questione".

"In accordo con la mia logica a quel tempo (una logica che qualcuno definirebbe complicata), non era paragonabile la mancanza di lealta' culturale tra lo sposare un uomo che non fosse ebreo e l'avere un albero di Natale," scrive Thompson.

Le famiglie si comportano nei confronti del problema in differenti modi.

Thompson ha ignorato le preghiere del marito e della figlia per un albero fino a quando il marito quattro anni fa non ha avuto un infarto. Commossa dalla sua nostalgia per i passati Natali, Thompson si impietosi', scrive, "ero stata per troppo tempo egoista nella mia decisione contro l'albero".

Per anni, anche la famiglia Morgan ha evitato di avere un albero di Natale in casa, una decisione facilitata dal fatto che ogni anno fanno visita ai parenti di lei per Natale. La maggior parte delle volte a Dicembre, passano anche un weekend con i loro amici in una fattoria nel Wisconsin, dove loro fanno "cose di Natale", come andare con la slitta, abbattere un albero e decorarlo.

Ma 11 inverni fa, il loro figlio maggiore - all'epoca aveva 4 anni - chiese a suo padre se poteva portare a casa un albero. Suo padre disse, "Bene, ne taglieremo uno che sia proprio della tua taglia." Quella e' diventata una tradizione di famiglia, sebbene non escano a comprare un albero a meno che non vadano in Wisconsin e ne taglino loro uno.

Morgan dice che suo marito"e' a suo agio se ha un albero fatto cosi' come e' diventata nostra tradizione," notando che l'albero e' divenuto un simbolo dei weekend della famiglia con i loro amici, piuttosto che un simbolo del Natale.

Morgan aggiunge: "Sua madre, che e' una sopravvissuta dell'Olocausto estremamente osservante, non e' per nulla offesa da cio',".

Regina Woontner, una dei congregati di Cohen a Denver, dice che la sua famiglia ha evitato il conflitto sul periodo natalizio poiche', sebbene lei sia una "generica protestante" e la famiglia visiti la sorella per Natale, lei non vuole un albero di Natale in casa.

"Voglio dare ai miei bambini un'educazione ebraica", si chiede, "e come puoi fare una cosa del genere se hai tutti quegli oggetti di Natale in casa?"

"Ma", dice, "la mia famiglia e' atipica," notando che degli appartenenti alla loro stessa comunita' hanno gli alberi e "li razionalizzano come una cosa non realmente cristiana."

A volte il partner ebreo si sente in colpa chiedendo al proprio coniuge di rinunciare al simbolo che gli e' caro.

Cohen e' a conoscenza di una famiglia nella quale i bambini sono stati cresciuti nell'ebraismo, anche se la madre e' cristiana. Racconta Cohen: "Il padre mi ha detto che "lei fa cosi' tanto, porta i bambini alla Sinagoga, vuole crescerli nella religione ebraica; Come puo' negarle quest'unica cosa?"

"L'albero diventa "questa e' la mia concessione" dice Cohen "non faremo presepi o battezzeremo i bambini o cose del genere, ma avremo un albero."

I Rabbi tradizionali -che si scagliano duramente contro i matrimoni interreligiosi generalmente non hanno nulla a che fare con gli alberi di Natale. Ma nel mondo riformato, dove le congregazioni si sono attivamente aperte alle famiglie interreligiose, i Rabbi hanno a che fare con gli alberi nelle case dei propri congregati. Levin e Cohen affermano che gli alberi di Natale sono piu' cristiani e creano maggiore confusione nei bambini, che vengono cresciuti nell'ebraismo, di quanto la maggior parte delle coppie interreligiose vorrebbero ammettere.

Le persone pensano, dice Levin, "che poiche' lo chiamano un simbolo secolare esso lo diventa nei fatti, ma la nostra cultura affronta un grande problema nel determinare cio' che esso significa."

Poi aggiunge: "Nella cultura americana e' un simbolo quasi religioso e come i bambini lo interpretino non e' interamente determinabile dai genitori,"

Cohen dice: "nel suo intimo il Natale e' una festivita' religiosa, rigurda la venuta di D-o sulla Terra come essere umano."

"Io credo sia meglio per i bambini sapere di quale comunita' sono parte," dice Cohen. "Ma d'altra parte, non penso che avere un albero di Natale significhi che tu non possa entrare nella mia Sinagoga. Significa che tu sei su una strada e devi capirlo."

Come nel caso della prossima circoncisione a cui Levin partecipero' Cohen si trova a fare una cerimonia di imposizione del nome, solo per scoprire che la famiglia si aspettava che venisse fatta esattamente di fronte al loro albero di Natale: lei ha insistito affinche' la cerimonia venisse spostata in un'altra stanza.

"Avevo terminato il seminario da sei mesi e non mi capito' di chiedere se ci sarebbe stato un albero," ricorda Cohen. "Non mi sono sentita di dire: non posso dare alla vostra bambina un nome ebreaico a causa di cio', ma non me la sono sentita neanche di doverlo fare in quella stanza."

Tali esperienze sono cosi' comuni che la faccenda e' arrivata all' e-mail bullettin board della Conferenza Centrale dei Rabbini Americani del movimento riformato. Lei dice: "Un buon numero di persone ha detto che la cosa piu' facile da fare e' semplicemente di evitare le cerimonie a casa nel mese di Dicembre."

Rabbi Sam Gordon, della congregazione Sukkat Shalom a Wilmette, Illinois, dice, "La mia sensazione e' che l'albero di Natale sia solo unalbero."

Gordon non dice ai congregati cosa decidere, ma li spinge ad usare il dibattito sull'albero come un "catalizzatore" per esplorare piu' larghe questioni circa i valori e le tradizioni che loro vogliono condividere con i loro bambini affermando: "Puo' essere un momento di duri scontri per la famiglia o un momento utile per parlare di valori."


Pagina precedente: Pubblicazioni
Pagina seguente: Commenti ai brani del Pentateuco


Torna alla Home Page

Contenuto stampato da http://www.e-brei.net, sito web dedicato alla memoria di Alessia Astrologo z.l.