Site logo


Attualita' culturale

dic 28, 2003

In cosa consiste la salvezza?


Quale e' la buona ricompensa per aver seguito le regole?

Categoria:Attualità culturale 
Postato da: redazione

L'Ebraismo tradizionale crede saldamente che la morte non sia la conclusione dell' esistenza umana.
Tuttavia, perch l'ebraismo soprattutto concentrato sulla vita piuttosto che sulla vita dopo la morte, l'ebraismo non dogmatico circa il vita dopo la morte e lascia moltissimo spazio per l'opinione personale.
Per un ebreo ortodosso possibile credere che le anime dei morti giusti vadano in un posto simile al cielo cristiano, o che sono reincarnate in molti corsi della vita, o che attendono semplicemente fino alla venuta del messiah, quando resusciteranno.
Inoltre, gli ebrei ortodossi possono credere che le anime del cattivo siano tormentate dai demoni della loro propria creazione, o che le anime cattive sono distrutte semplicemente alla morte, cessando di esistere.
I riferimenti biblici alla vita dopo la morte di alcuni eruditi sostengono che la credenza nel vita dopo la morte un insegnamento che si sviluppato in ritardo nella storia ebraica. chiaro che la Torah mette in risalto le ricompense e le punizioni immediate, concrete, fisiche, piuttosto che nel futuro astratto, vedere, per esempio, Lev. 26:3-9 e Deut. 11:13-15. Tuttavia, c' prova libera nella Torah di credenza nell'esistenza dopo la morte.
La Torah indica in parecchi punti che i giusti saranno riuniti con il loro amato/i dopo la morte, mentre il cattivo sar escluso da questa riunione. La Torah parla di parecchia gente considerevole "che raccolta alla loro gente". Vedere, per esempio, Gen. 25:8 (Abraham), 25:17 (Ishmael), 35:29 (Isaac), 49:33 (Jacob), Deut. re 32:50 (Moses ed Aaron) 22:20 (re Josiah). Questa riunione descritta come evento separato dalla morte fisica del corpo o della sepoltura.
Determinati peccati sono puniti dal peccatore "che tagliato dalla sua gente". Vedere, per esempio,Gen. 17:14 ed ex 31:14. Questa punizione si riferisce come kareit (kah-REHYT, letteralmente "tagliante", ma solitamente tradotta come "asportazione spiritosa") e significa che l'anima perde la relativa parte nel mondo per venire. Le parti successive del Tanakh parlano pi chiaramente di vita dopo la morte ed il mondo per venire. Vedere Dan. 12:2, Neh. 9:5. La credenza di Reincarnazione e di Resurrezione nella resurrezione finale dei morti una credenza fondamentale dell'ebraismo tradizionale.
La credenza nella resurrezione dei morti uno dei principii di fede di Rambam. La seconda benedizione della preghiera di Shemoneh Esrei, che recitata tre volte quotidiane, contiene parecchi riferimenti alla resurrezione.

Rabbi David Y. Costa


Pagina precedente: Pubblicazioni
Pagina seguente: Commenti ai brani del Pentateuco


Torna alla Home Page

Contenuto stampato da http://www.e-brei.net, sito web dedicato alla memoria di Alessia Astrologo z.l.