Site logo


Momenti di Torah

Lettera aperta a Furio Colombo


Caro Direttore dell'Unita',
Molti anni fa leiera ammirato e amato da tutti coloro che si battevano per la verita', la giustizia, per Israele.
Ricordo la gioia e la soddisfazione che tutti provavamo quando lei veniva intervistato eraccontava ai giornalisti italiani la verita' sulla storia del conflitto israelo-palestinese.

La sua autorita' li zittiva, lei parlava dalla Columbia University, mica bazzeccole!
Era un grande, un italiano di cui tutti andavano fieri e di cui noi in particolare eravamo praticamente , con rispetto, innamorati.
Ricordo il suo libro "PER ISRAELE", ancora nella mia biblioteca, copertina azzurra su fondo giallo e una grande e sventolante bandiera biancoazzurra.
Untesto controcorrente, una appassionata difesa di Israeledocumentatada fatti, una prova di verita'.
Importantissimi anche i tascabili tratti da questo suo libro e distribuiti da un settimanale. All'epoca ero presidente della Federazione Italia Israele ericordo che ne avevamo ordinati centinaia alla casa editrice dadare a tutti coloro che volevano conoscere i fatti: "Lo ha scritto Furio Clombo, leggetelo"

Furio Colombo: l'idolo degli amici di Israele.

Poi dalla Stampa passo' a La Repubblica e io le scrissi "Signor Colombo, la prego, non ci volti le spalle" , sa, pur avendo fiducia in lei,temevo che l'influenza antiisraeliana di quel quotidiano la obbligasse in un certo senso a cambiare opinione.
La pagnotta e' la pagnotta per chiunque, no?
Io non leggevo e non leggo La Repubblica dal 1982, da quando titolo' la prima pagina con un enorme EBREI=NAZISTI, dando il via a questa ignominiosasimilitudine che ancora oggi e' stampata a fuoco nella mente dell'opinione pubblica ben alimentata dal pelo sullo stomaco di alcuni giornalistucoli e dipolitici degni di pulire i cessi di Montecitorio.
Lei mi rispose e mi disse di non temere, mi scrisse che il suo amore per Israele sara' praticamente eterno, che niente potra' mai farle cambiare opinione.

Io mi tranquillizzai.

Caspita, pensavo,Furio Colombo li conosce i fatti, non e' mica un burattino qualsiasi,sara' una voce di verita' nell'immensita' delle menzogne di quel quotidiano!
Poi la persi di vista, stavo facendo la mia aliya' e nei primissimi tempi della mia vita in Israele ero occupata a conoscere questo popolo meraviglioso e pieno di umanita' e di coraggio.
Sono arrivata in Israele in pieno processo di pace.... beh, pace forse e' una parola grossa.
Saltavano sempre gli autobus, in dieci giorni abbiamo avuto duecento civili israelianiesplosi.
Tutti pensavamo ingenuamente " colpi di coda dei terroristi,non sara' piu' cosi. Arafat ha firmato! " Intanto seppellivamo i nostri morti epiangevamo con speranza come avevamo pianto di speranza il giorno famoso in cui ci fu la firma palestinese a Washigton. Non pensavamo, non potevamo immaginareche anche quella firma fosse falsa come tutto quello che quel dittatore ha fatto nella vita.
Poi , lentamente , la realta' incomicio' a farsi strada , alla TV israeliana vedevamo Arafat che in arabo urlava contro la pace, diceva che era solo una scusa per arrivare a Ashdod, a Haifa, per prendersi tutta la Palestina e , diceva, "Loro (gli israeliani) andranno a bere il mare di Gaza".Rideva, il raiss, e la folla lo acclamava. Poilo vedevamo parlare in inglese al mondo con un sorriso angelico , per quanto possa essere angelico il sorriso di un mostro.
Il mondo tifava per lui, come sempre, tutti gli credevano.Anche il mondo occidentale lo acclamava. Noi dicevamo "attenzione, in arabo dice altre cose" e loro ci rispondevano "siete i soliti guerrafondai, siete voi che non la volete la pace, vergognatevi".
A noi restavano gli attacchi di fegato per la rabbia impotente e la nostra povera speranza, vecchia ormai mezzo secolo.
Duro' fino al 2000 quando il mostro , sempre acclamato dai suoi palestinesi e dai suoi occidentali, ha incominciato la guerra lasciando noi israeliani letteralmentesenza fiato. Ma come? non dovevamo fare la pace? Non gli avevamo offerto praticamente tutto, compresa Gerusalemme? Ma come?

Intanto lei , signor Colombo, era passato all'Unita'.

Ricordo ancora la email attonita che scrissi agli amici in Italia "Furio Colombo all'Unita'? Ma il "nostro" Furio Colombo?"
Si, fu la laconica risposta, proprio il "nostro" Furio Colombo.
E cosi' e' incominciata la triste lettura degli articoli dei "suoi" giornalisti, articoli rigorosamente antiisraeliani, spudoratamente bugiardi, vergognosamente tolleranti nei confronti di quelli, quei mostri degni del loro dittatore,che vengono in Israele per ammazzare noi ei nostri figli.
E oggi , dopo lo scempio di Gaza con i cadaveri dei nostri soldati violati e usati come trofei leggo sul suo giornale un articolo molto dettagliatoche evita ancora una volta accuratamente di parlare di terroristi. Miliziani, guerriglieri, membri di, non sapete piu' quali sostantivi inventare pur di nonscrivere l'unica parola che definisce costoro: TERRORISTI.

Signor Colombo, Direttore dell'Unita', lei non solo ha deluso parecchia gente, lei non ha fatto un semplice cambio di rotta, lei ha fatto proprio un triplo salto mortale dalla verita' e dalla democrazia nel buio della barbarie.

Mi dispiace per lei.
Un addolorato saluto

Deborah Fait
ISRAELE

Postato da: redazione il mag 12, 2004


Pagina precedente: Umorismo e simpatia
Pagina seguente: Informazioni utili


Torna alla Home Page

Contenuto stampato da http://www.e-brei.net, sito web dedicato alla memoria di Alessia Astrologo z.l.