Site logo


Attualita' culturale

mag 13, 2004

Quanto poco culturale e' l'attuale razzismo occidentale?


Nick Berg era ebreo come Daniel Pearl, l'altro ostaggio americano decapitato in tv.

Categoria:Attualità culturale 
Postato da: redazione

Tutto il bailamme sulle torture USA infine e' arrivato anche a me. Di per se', il problema e' poco rilevante. E' poco rilevante perche' come viene posto dall'opinione pubblica, tali torture verranno assegnate ai contrattisti, cioe' ai mercenari. I quali godono di uno status IMPRECISATO che di fatto li mette al sicuro dalla giustizia.
Vorrei pero' alzarmi un attimo sul problema ed esaminarlo da una prospettiva piu' comprensiva. Prendiamo due persone. Due combattenti. Uno e' un palestinese cui gli israeliani hanno ucciso la famiglia in un raid.
L'altro e' uno spagnolo cui gli attentati hanno sterminato la famiglia.
La vulgata corrente suole dimostrare che la reazione omicida del palestinese sia in qualche modo giustificata da quanto subito. In tal modo, il terrorismo palestinese cessa di essere tale in quanto vi sono ragioni, forze, che spingono il palestinese a sbagliare. Certo sbaglia, ma in un certo senso e' un errore che viene "chiamato" dalla parte opposta.
Insomma, se il cane ti morde e' perche' gli hai rotto i coglioni. A questo punto, il soldato spagnolo in stanza in iraq e' giustificato se prende il suo mitra e apre il fuoco su un mercato iracheno. Esattamente per gli stessi motivi del palestinese , avendo subito grave ingiustizia e grave crimine egli farebbe il male, ma sarebbe giustificabile per via della grave forza che lo ha spinto. Un altro errore che viene chiamato dalla parte opposta.
A quel punto, pero' veniamo interrotti: sebbene il palestinese e lo spagnolo (o l'americano dopo l'11 settembre) siano spinti dalla medesima forza, dal secondo (lo spagnolo) essendo occidentale ci aspettiamo sia in grado di resistere a tale forza.
Tale resistenza, tale inattaccabilita' dall'odio la attribuiamo indistintamente a noi occidentali, mentre rifiutiamo di attribuirla ad altri popoli.
Qui non si tratta di capire chi abbia ragione e chi no. Qui si tratta di decidere e di chiarire una volta per tutte le ragioni di tale disparita'.
Quale caratteristica del palestinese lo rende scusabile , che non abbia lo spagnolo, e viceversa?
Perche' IL SINGOLO statunitense che si e' visto fare una strage nel centro di una citta' non puo' ODIARE, mentre se il palestinese ODIA in un certo senso e' il meccanico, automatico effetto di quanto gli e' stato fatto?
La verita' si fonda su un sottile razzismo. Su un sottile mito della superiorita'.
Noi occidentali sentiamo in qualche modo di aver raggiunto un livello di consapevolezza dei diritti umani tale che PRETENDIAMO da chi ha il potere la caratteristica dell'inossidabilita' dall'odio.
E cosi' se il "nostro" soldato si fa prendere dall'odio compie un reato gravissimo. Non solo come violazione delle leggi, ma come violazione del SENTIRE CIVILE. Sentire civile che ognuno di noi considera tanto fondamentale che i tutori della civitas devono per questo essere immuni all' ODIO.
Diverso il discorso per i tutori della civitas altrui. A loro viene concesso il lusso di farsi prendere dall'odio. Mentre lo spagnolo NON ha diritto ad odiare chi ha compiuto stragi di studenti e padri di famiglia, perche' sarebbe una caduta di civilta', il palestinese nelle stesse condizioni ha diritto ad odiare.
In pratica, abbiamo due stimoli identici: un uomo ha visto una strage uccidere la famiglia. Ma ci aspettiamo risposte diverse. Sulla base di cosa?
Semplicemente, NON RICONOSCIAMO al palestinese di aver raggiunto una civitas di tale livello da aspettarci che sia altrettanto impermeabile all'odio.
Abbiamo nei confronti del palestinese il classico atteggiamento di chi vede il selvaggio cagare sul tappeto di casa: e' un selvaggio, cosa ti aspetti da lui?
L'imam che dice "prendete una donna inglese in schiava" non viene deprecato quanto il soldato che tortura: eppure, istiga ed ordina le stesse cose. A Rumsfield viene chiesto di licenziarsi perche' le ha permesse, a quello si riconosce leadership in quanto le istiga e le ordia.

Perche'?

Perche' lui e' un beduino di merda, e quindi ci aspettiamo un tale livello di (in)civilta'. Niente di strano se l'imam ordina di rapire , stuprare e ridurre in schiavitu' soldatesse: loro sono cosi'.
Ma dietro quel "cosi'" , cosa c'e'?
C'e' la parola selvaggi, la parola barbari, la parola incivili. La vulgata sedicente di sinistra, che rinuncia a giudicare severamente alcuni e non altri, non fa altro che alimentare la convinzione secondo la quale "loro sono cosi'".
Che non e' relativismo.
E' razzismo: si sta dicendo implicitamente che nulla di male vi e' se un iracheno incitao al rapimento, allo stupro e alla schiavitu', quasi fosse una caratteristica indelebile di quella popolazione.
In pratica, stiamo dicendo che l'altro e' meno civile. E lo consideriamo anche un atteggiamento intellettualmente evoluto.
Credo che considerare ognuno uguale agli altri non voglia dire solo essere disposti al dialogo o alla comprensione. Considerare un popolo naturalmente incivile e rifiutargli un giudizio SEVERO quanto quello riservato a noi stessi non e' altro che seminare un sottile razzismo.
Prima si dira' che per un iracheno rapire una donna inglese sia tutto sommato una reazione accettabile dopo le torture. Ma cosa succedera' ad un emigrato iracheno che si fosse arrestato per aver rapito e violentato una donna a londra?
Quanto i giudici saranno disposti a ritenerlo innocente, dopo aver accettato che per la civilta' irachena questa cosa non sia deprecabile -quanto lo e' per noi- in quanto normale reazione?
Quanto e' credibile un palestinese accusato (anche ingiustamente) di essere un terrorista, dopo che abbiamo dichiarato sottilmente ed esplicitamente che il terrorismo e' una pulsione alla quale tutto sommato i palestinesi non possono resistere?
La fine del razzismo non e' soltanto nel tollerare gli altri, ma anche nel giudicarli altrettanto severamente.


Pagina precedente: Pubblicazioni
Pagina seguente: Commenti ai brani del Pentateuco


Torna alla Home Page

Contenuto stampato da http://www.e-brei.net, sito web dedicato alla memoria di Alessia Astrologo z.l.