ago 24, 2002

Il Golem


Rabba' disse: se i giusti volessero, potrebbero creare un mondo, perche' e' detto: sono i vostri misfatti che fanno la differenza fra voi e vostro D-o. (Isaia 59,2)

Categoria:Attualità culturale 
Postato da: redazione

Rabba' creo' un uomo maschio (gavar) e lo invio' a Rabbi Zera'. Quest'ultimo gli parlo', ma l'altro non rispose. E' un collega (haver) che ti ha creato, ritorna alla tua polvere. Gli disse Rabbi Zera'.

Rabbi Hanina' e Rabbi Oshaya' consacrarono tutte le veglie dello shabbat allo studio del libro della creazione (Sefer Yezira'); essi creavano un vitello paragonabile ad una terza portata e lo mangiavano.

Commenta Rashi': creo' un uomo maschio: con l'aiuto del Sefer Yezira' che insegna la combinazione (zeruf) delle lettere del nome di D-o. (Rashi ad loc.)

Golem, insegna Gershom Scholem e' una creatura, in particolare un essere umano fatta in modo artificiale in virtu' di un atto magico, mediante l'uso di nomi sacri. Il Golem creato, secondo la leggenda dal rabbino di Praga, Rabbi Loew, (il Maharal), e' solo l'ultimo rampollo di una lunga stirpe di esperimenti, alchemici e mistici che risale almeno la III sec. dell'ev. il brano del Talmud che abbiamo riportato non a caso sta in quei capitoli che parlano dei processi contro la magia e la divinazione. I maestri non sembra che abbiano mai negato i poteri paranormali, come si dice oggi, i prodigi, come si sarebbe detto all'epoca della religione greco-romana. La considerazione che essi hanno e' quella del potere assoluto del bene. Quindi del potere della Torah se gli uomini in generale e gli ebrei in particolare fossero talmente puri da poterne ricostruire l'ordine originario delle lettere, con il quale secondo la tradizione, il mondo e' stato creato. La scelta di creare un uomo non e' casuale perche' chi salva una vita salva un mondo intero come afferma la Mishnah.

Il libro della creazione Sefer Yezira', se e' veramente quello che ci e' pervenuto, non e' quindi solo un manuale di mistica delle lettere dell'alfabeto ebraico, ma un vero e proprio manuale a quell'operazione mistica che i maestri chiamavano opera della creazione. Operazione come abbiamo visto nel caso di R. Hanina' e del suo socio, svolta in piccoli gruppi (v. Mishnah Hagiga) di non piu' di due persone. Cerchiamo di stabilirne rapidamente la storia.

1. Il primo Golem e' Adam stesso, come dice il libro dei Salmi (Sl. 139,16)i tuoi occhi mi videro informe (Golem). Costituito di argilla informe (Golem) + anima soffiata, alto dalla terra al cielo, secondo un Midrash, e con in fronte stampate le lettere del nome di D-o. Questo e' il modello da riprodurre.

2. La magia e' sempre esistita dalle prime generazioni dell'uomo, secondo il Midrash da Enosh, che secondo un Midrash cerco' di imporre un suo dominio sul Sole, sulla Luna e le stelle, costringendole a servire l'uomo. Non solo, ma secondo un Midrash il padre di Rachele e Leah, Labano, avrebbe costruito i suoi idoli, i terafim, con il nome di D-o sopra, in modo che gli rispondessero come oracoli.

3. Il profeta Geremia e Ben Sirach, secondo un altro Midrash costruirono un altro Golem, scrivendogli sulla fronte l'ultimo verso dello Shema' il signore Idd-o e' vero (emet) poi il Golem stesso avrebbe cancellato la lettera alef con cui comincia la parola verita', percio' sarebbe rimasta la scritta il signore e' met che significa e' morto, a significare che il padrone del Golem, il profeta era un mortale e non poteva competere con D-o.

4. Nel medioevo Shelomo' Ibn Ghebirol, poeta e mistico spagnolo fece un Golem femmina, agli inquisitori cristiani che lo arrestarono per magia fece vedere che esso era un robot di legno con cerniere. Ugualmente fece un Golem anche il grande commentatore biblico Avraham Ibn Ezra.

5. Il trattato cabalistico Sefer Bahir, (composto probabilmente in Provenza, nel XII sec.) discute sul passo del Talmud Sanhedrin 65b in questi termini:

Rabba' disse: se i giusti avessero voluto, avrebbero potuto creare un mondo. Cosa glielo impedi'? i vostri peccati; come e' detto sono i vostri peccati che hanno creato una separazione fra voi e D-o se non era per i vostri peccati, nessuna separazione avrebbe potuto stabilirsi fra voi e lui. Cosi' Rabba' creo' un uomo e lo invio' a Rabbi Zera'. Quest'ultimo gli parlo', ma l'uomo non rispose. Se non era per i vostri peccati sarebbe stato capace di rispondere. Come avrebbe potuto attraverso la sua anima. L'uomo ha dunque un'anima (neshamata') da trasmettere ad un altro? (Sefer Bahir 196)

Questo e' il punto essenziale della discussione sul Golem; se l'uomo puo' trasmettere un'anima razionale (neshama) ad un essere inanimato. Se dunque l'uomo puo' creare un'intelligenza artificiale.

In seguito il cabalista Moshe' Cordovero neghera' questa possibilita', dicendo che l'uomo puo' solo trasferire una capacita' vitale hyiut al Golem. Il Golem non puo' dunque essere contato di Minian, e puo' essere anche soppresso, perche' non ha un'anima come quella di tutti gli uomini discendenti da Adamo.

6. Mentre nell'ebraismo sefardita il problema del Golem diventa sempre piu' astratto, nell'ambito askenazita si infittiscono a partire dal XII secolo i trattati sulla creazione del Golem attraverso l'alchimia dei quattro elementi, con terra pura, acqua pura, e soffio dei nomi. Sembra che il rito comprendesse un giro intorno al vaso-provetta con recita delle 231 combinazioni delle lettere ebraiche due a due, chiamate nel Sefer Yezirah il cerchio delle 231 porte. Ugualmente, per dissolvere il Golem, bisognava girare in senso inverso. Bisognava definire quei cosmogrammi chiamati oggi mandala.

7. I grandi maestri dell'ebraismo askenazita, da Elia Baal Shem di Chelm Al Besh't (Alaiv Shalom) avevano Golem alle loro dipendenze. Nel caso di Eliahu Baal Shem la leggenda narra che il Golem fosse cresciuto a dismisura e per evitare che distruggesse il mondo, il rabbino gli aveva ordinato di allacciargli le scarpe. Approfittando di questa posizione, il rabbino gli strappo' dalla fronte il nome sacro che dava vita alla creatura.

8. Eccoci dunque alla storia tutti nota: quella del Maharal di Praga (1520-1609) e del suo Golem. Rabbi Loew e' conosciuto per i suo commentario al Pirke' Avot, in cui fa largo riferimento al libro della Creazione, interpretato in modo, diciamo pure singolare. Le lettere madri dell'alfabeto ebraico corrisponderebbero ai patriarchi, e anche agli elementi alchemici.

La leggenda narra che Rabbi Loew costrui' il Golem, che servi' il suo creatore come cameriere, come Shabbes Goi' e anche come difensore del ghetto. Ogni mattina veniva attivato scrivendo sulla sua fronte la parola emet (verita') e ogni sera togliendo la prima lettera di questa parola,riducendolo a met (morto). Poi, all'entrata di uno Shabat, mentre nella sinagoga Altneuschule di Praga era gia' stato cantato il salmo per il giorno del sabato il Golem comincio' a crescere di statura e a tentare di distruggere tutto. Il Rebbe, prontamente gli cancello' dalla fronte la lettera alef, disattivandolo, e dopo averlo nascosto nella soffitta, fece di nuovo cantare l'inno e inizio' lo Shabbat in pace.

Cerchiamo di analizzare la struttura di questo strano mito.

Oggi nessuno nega il Golem, tutt'al piu' ne hanno fatto una creatura letteraria come Pinocchio o Frankenstein. Le stesse autorita' rabbiniche nel dibattito in corso sulla clonazione lo hanno fatto diventare un primo esperimento di clonazione.

Ma forse la soluzione dell'enigma e' solo nella terra pura. In terra d'Israele soltanto, fertilizzata dall'acqua del cielo e dalle parole della Torah puo' aver luogo una nuova nascita dell'uomo.

Previous Article
Next Article