Site logo


Italia Ebraica

set 8, 2005

Ebrei in Sicilia


Io conosco soltanto la storia dei miei nonni siciliani, raccontatami quando ero piccolissima e senza mai pronunciare la parola "ebrei".

Categoria:Turismo in Italia 
Postato da: redazione

Questo perch ancora oggi, soprattutto nei piccoli paesi dell'entroterra, sconsigliato parlare di certi argomenti (es. Garibaldi, laico, aborto etc) e anche avere certi atteggiamenti (frequentare certe persone piuttosto che altre, non andare alla messa o andare in una chiesa piuttosto che un'altra, uscire in alcune ore etc), pena l'additamento e l'esclusione dal contesto sociale.
Dell'atteggiamento odierno di certi ambienti ben poco mi pu interessare, in quanto sono nata, e tutt'ora vivo, in Torino.

Ma i miei nonni erano nati a fine '800 nella provincia di Siracusa, in un paese distante dal capoluogo 60 km, e solo 30 fa hanno asfaltato la strada che lo unisce alla SStatale. Non difficile immaginare quanto fosse pieno di rovi (ad es. nel solo '800) il sentiero che portava a quel paese *ancora oggi sconosciuto alla maggior parte di autisti*, sia privati che pubblici.

Dei nonni mi rimangono: le storie e tutto, ma dico proprio *tutto* il loro insegnamento e la loro educazione, il loro silenzio (io sono nata dopo la seconda guerra mondiale), il loro comportamento, e i loro *messaggi* scritti con le proprie mani: ricami simbolici lasciatimi dalla nonna, legno scolpito - con altrettanti simboli - dal nonno.

Lo scorso dicembre, il mio preziosissimo libraio ( Gadol Hillel, originario di Ragusa) mi regal un libretto: "Mos il ricco " di Gino Caruso, ediz. Koin.
Quel libro sembrava scritto dai miei nonni, quando - io piccolissima - avevo sentito racconti troppo simili che mi facevano rabbrividire.

Ho provato a cercare altri testi, ma come ci fosse poco o nulla. Ho provato a chiedere ad alcuni siciliani con i quali sono in contatto, ma pare che nessuno sappia di cosa fosse la Sicilia prima del 1492!!
Sono stata anche guardata male nello stesso paese dei miei nonni, perch "certe cose non si devono neanche pensare" e "se per caso avessi avuto simpatia per quella gente l...".
Non scuso troppo quelle persone, perch hanno tutti telefono, TV e possibilmente anche internet...insomma: chi vuole documentarsi, lo pu fare e su qualsiasi argomento.
Come si fa a non interessarsi circa le origini del luogo in cui si vive? fosse anche solo per semplice curiosit, dico.
Perch nel mio apertissimo liceo (tanti anni fa) nessuno ne sapeva niente?

Io non ho la possibilit materiale di dedicarmi alle ricerche, per mi chiedo questo: perch non riesco a trovare qualcuno che le svolga?

Dal momento che le informazioni maggiori mi sono stati dati proprio dal mio Gadol, spero che D-o mi conceda la possibilit di lasciare quello che ho per riportare in luce ci che stato, non per miei nonni, ma per *tutti* quelli che sono stati volutamente messi nell'oblo (nonch dopo essere stati costretti a rinchiudersi in posti impossibli per salvarsi la vita)

Ti chiedo scusa se non sono riuscita a dirti molto, ma davvero tutto ci che so.

Ciao
Hilde


Pagina precedente: Turismo nell'Italia ebraica
Pagina seguente: Attivita' varie


Torna alla Home Page

Contenuto stampato da http://www.e-brei.net, sito web dedicato alla memoria di Alessia Astrologo z.l.