Site logo


...dal nostro archivio

Gli ebrei europei, il terzo polo negato


un interessante articolo apparso su "Il Riformista" del 7 Gennaio 2004
LITI DIETRO L'ATTACCO DI BENATOFF E LA REAZIONE DI PRODI
di David Bidussa

Il senso della lettera a firma di Edgar Bronfman e Cobi Benatoff, il primo in quanto presidente del Congresso mondiale ebraico e il secondo in quanto presidente del Congresso ebraico europeo, pubblicata sul Financial Times di luned scorso, si tinta del solito giallo di cui si caricano le questioni poco chiare.

Il 19 dicembre scorso,con una decisione condivisa, Congresso ebraico europeo e Commissione Ue concordarono un percorso di riflessione pubblica che metteva al centro le preoccupazioni del mondo ebraico, rilanciava la necessit di una riflessione pubblica sulla fisionomia dell'Europa che tenesse conto delle dinamiche di multiculturalit - e dunque mettesse da parte la questione delle origini cristiane o giudaico-cristiane del continente - volgendosi con coraggio a un confronto che sottolinea la matrice dell'Europa come entit culturale e politica che si costruisce oggi, in un continente che non pi quello della met del secolo scorso.

In quell'incontro, che fu coordinato da Romano Prodi e da Cobi Benatoff, si perfezion l'idea di un seminario congiunto (ora revocato da Prodi, ma sarebbe politicamente pi efficace confermarlo, e costringere il presidente del Congresso ebraico europeo, ovvero Benatoff, a proseguire nel percorso stabilito in dicembre) sulla questione dell'antisemitismo e delle intolleranze.

E' un percorso che nasceva anche dalle sollecitazioni che emergono dalle riflessioni proposte dal presidente dellUnione delle Comunit ebraiche italiane, Amos Luzzatto, in un suo libro recente (Il posto degli ebrei, Einaudi 2003).

In questo scenario la questione degli ebrei e dell'Europa inizia a delinearsi come una questione specifica, e come una dinamica che profila un terzo polo di discussione.

Un primo polo costituito dal mondo ebraico americano - anzi dai molti mondi ebraici in conflitto e in confronto anche aspro tra loro - nelle loro relazioni con l'amministrazione Bush.

Un secondo polo costituito dai molti attori politici ebraici che si confrontano nella crisi politica di Israele e che, tutti, provano a ragionare nei termini del bene per Israele. In parte si riconoscono in Sharon, in parte cercano di definire un'altra politica (il documento di Ginevra, al di l del suo valore soprattutto questo).

Un terzo polo costituito dal mondo ebraico europeo a lungo silente, senza una fisionomia politica e spesso senza una proposta culturale, talora schiacciata tra i primi due poli, ma che, attraverso la opportunit della scrittura della carta costituzionale europea, tenta di darsi una fisionomia e un ruolo culturale propri, che tengano conto non solo della propria storia continentale, ma anche di una ossibile politica del e nel Mediterraneo.

La pubblicazione della lettera dice una cosa sola: che il terzo polo non deve esistere, che gli ebrei d'Europa sono un numero, ma non un soggetto politico, e che se la Commissione Europea vuol discutere deve farlo solo con uno dei primi due poli.

La decisione di Prodi di annullare il seminario nei fatti d potere di interdizione a Bronfman e Benatoff su una questione che invece la Commissione Ue ha tutto l'interesse ad affrontare pubblicamente. Stando alle dichiarazioni di questi giorni di Benatoff, la lettera andava bene un mese fa, quando i segnali che venivano dalle Ue erano preoccupanti. Oggi totalmente superata e la pubblicazione stata sbagliata.

Quando dice la verit Benatoff?
Un mese fa? Al seminario del 19 dicembre quando si dichiara in sintonia con Prodi?
Ora?
In politica la verit si dice in un solo modo.
Smentendo o confermando ci che si scritto in precedenza.
Se il presidente Cobi Benatoff - non individualmente, ma in qualit di presidente del Congresso ebraico europeo - vuole trarsi d'impiccio ha una cosa sola da fare: prendere carta e penna e scrivere.

Altrimenti la cronaca scriver di lui che il presidente di un ente che non ha alcuna intenzione di avere una fisionomia propria.

Postato da: redazione il mag 29, 2005


Pagina precedente: Opinioni dei nostri visitatori
Pagina seguente: In diretta dal forum


Torna alla Home Page

Contenuto stampato da http://www.e-brei.net, sito web dedicato alla memoria di Alessia Astrologo z.l.